Legambiente denuncia l’assalto all’oro nero della Sicilia

planet-observer_PORSI-e1500306156727

(Rinnovabili.it) – Da Goletta Verde la bandiera nera ad Eni ed Edison che, con nuovi pozzi petroliferi e nuove attività di prospezione, mettono a rischio l’ecosistema.

Nel 2016, tra attività sulla on shore ed offshore 148 pozzi siciliani hanno contribuito con 1 milione tonnellate di greggio della produzione nazionale di petrolio. Una quantità che oggi basterebbe a coprire appena l’1,6% del fabbisogno nazionale.

Malgrado ciò (o proprio per questo motivo) si continua a trivellare la natura siciliana. Alle attuali 9 concessioni di coltivazione, se ne potrebbero presto aggiungere altre 4, le cui richieste sono oggi in fase di valutazione d’impatto ambientale. A questi vanno aggiunti altri 12 permessi di ricerca già avviati lungo l’iter burocratico,16 nuove istanze di permesso di ricerca attive e due permessi di prospezione a mare.

CONTINUA A LEGGERE

Nessun Commento

Scrivi un Commento

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Connetti con facebook
Connettiti con Twitter

Ricordami Password dimenticata?

Non ho un account. Registrati

Password dimenticata

Registrati

Registrati con Facebook
Registrati con Twitter

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Chiudi