Disastro Samarco, il Brasile vuole i soldi e frena la giustizia

asd17

(Rinnovabili.it) – La giustizia brasiliana ha congelato i processi contro Samarco Mineraçao, l’azienda responsabile del disastro ambientale che aveva riversato tonnellate di fanghi tossici nelle acque del Rio Doce dopo il cedimento improvviso di due dighe di contenimento nel novembre 2015.

La corte federale di Minas Gerais, lo stato dove si è verificata la catastrofe, ha rimesso i fascicoli nel cassetto per facilitare il raggiungimento di un accordo sui risarcimenti tra la compagnia e il Brasile.

CONTINUA A LEGGERE

Nessun Commento

Scrivi un Commento

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Connetti con facebook
Connettiti con Twitter

Ricordami Password dimenticata?

Non ho un account. Registrati

Password dimenticata

Registrati

Registrati con Facebook
Registrati con Twitter

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Chiudi